Elisabetta Tosi e Giampiero Nadali.jpg

Chi siamo

Fermenti Digitali è il marchio di consulenza di Giampiero Nadali ed Elisabetta Tosi, creato per aiutare le aziende del vino a cogliere le opportunità offerte da Internet: opportunità commerciali, competitive, di organizzazione interna ed esterna, e ovviamente anche di comunicazione.

Ci occupiamo di comunicazione online e tradizionale, ma non solo. Il web e le nuove tecnologie digitali e interattive sono molto più che marketing e comunicazione, perchè stanno cambiando il modo di fare affari nel mondo del vino.

Occupandoci da molti anni di vino e tecnologia digitale, ci siamo specializzati nell'affiancare aziende grandi e piccole, Consorzi e altre Istituzioni del mondo del vino italiano interessate a promuovere i propri marchi attraverso i nuovi canali dei media digitali, cogliendo così le nuove opportunità del mercato globale, dis-intermediando le vendite di vino grazie a nuovi canali diretti, e intercettando l'interesse dei nuovi consumatori e turisti del vino.

Il mondo dei new media è in costante e rapidissima evoluzione, e richiede competenze sempre nuove e aggiornate: per questo da anni siamo impegnati anche nella formazione professionale di persone già attive nel settore del vino, per aiutarle a costruire le capacità necessarie ad affrontare sfide sempre nuove.


Negli anni, il lavoro di Fermenti Digitali ha ricevuto apprezzamenti e riconoscimenti diversi, ma quello di cui andiamo ad oggi più orgogliosi è l'essere stati finalisti nel 2016 del prestigioso concorso internazionale "Born Digital Wine Awards", nelle categorie "Miglior reportage incentrato sul turismo e il vino" e "Miglior documentario di ricerca / giornalismo sul vino".

Nella categoria relativa al turismo, Giampiero Nadali ha conseguito il 2. posto.

I "Born Digital Wine Awards", patrocinati da Wine in Moderation, (#BDWAbyWIM) è l’unico premio internazionale che identifica e premia le voci che divulgano una comunicazione responsabile sul vino e che promuovono la diversità e l’espressione culturale.